Caro Romano, sei stato un esempio prezioso

lug 13th, 2014 | By | Category: Il Serra nel Mondo

Il Presidente del Serra Club Torino,  rag. Romano Gallizio,  il 28 giugno u.s. ha concluso la sua breve permanenza fra di noi e questa conclusione per tutti quelli,  serrani e non solo,  con cui ha condiviso la sua presenza, ha segnato il profondo dolore del distacco che si prova quando “ una persona che conta “ diventa una “persona che contava “. Non resta quindi che, rinunciare ai suoi consigli ed alla sua opera, seguire e rimanere fedeli al suo esempio.

E’ con grande disagio che ho accolto l’invito del Governatore  Callegaro a redigere questo breve commiato: è mio costume ( e di questo il caro Romano sovente ironizzava e mi rimproverava ) rimanere nelle ultime file, lontano dal proscenio;  a maggior ragione perciò in questo caso in cui si tratta di elaborare la tristezza del definitivo saluto a colui che ho sempre considerato un fratello minore ( per ragioni puramente anagrafiche ) che mi attraeva per la sua esuberanza e il suo pragmatismo ed al quale, a volte, mi permettevo qualche consiglio inspirato più che dalla presunta saggezza dell’età, dal grandissimo affetto che ci legava.

Elencare le attività di Romano nei lunghi anni di permanenza nel Serra, il suo entusiasmo, la sua presenza costante e tranquillizzante, l’accettazione di incarichi gravosi anche quando ciò comportava sacrifici non trascurabili, mi fa temere di sconfinare nella retorica e lui aborriva la retorica.

Diciamo allora soltanto che era un Serrano di buoni sentimenti e da questo rarissimo pregio morale traiamo, noi tutti che l’abbiamo amato e stimato, la sua lezione che è anche il suo testamento spirituale e che mi piacerebbe esprimere con una meditazione di madre Canopi,  Abbadessa di S. Giulio d’Orta : “ i buoni sentimenti vanno coltivati; dare l’esempio è un grande impegno che non va mai ammainato “.

Penso di poter garantire a nome di tutti noi serrani, il nostro affetto ad Anita e a Elena con le quali condividiamo il dolore e il rimpianto di tanta perdita.

 Giuseppe Rigaldo – past Governatore Distretto 69

 

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&

 

Il 30 giugno,  nella Chiesa Parrocchiale S. Maria della Neve  di  Clavesana (CN),  si sono svolti i funerali del Presidente del Serra Club Torino 345 e  past Govematore , Romano Gallizio, che  dopo una breve malattia, contro la quale ha lottato con serena rassegnazione, presso l’Ospedale di Cuneo o e successivamente presso quello di Mondovì, ove il 28 giugno, ha terminato la sua esistenza terrena, amorevolmente assistito dalla consorte Signora Anita e dalla figlia Elena.

La cerimonia funebre, presieduta dal Parroco di Clavesana ) don Armando Ferreri, con la collaborazione del già Cappellano del Serra Torino 345,  don Lello Birolo, ha visto la commossa e larga partecipazione degli abitanti di Clavesana e dei comuni limitrofi, nonché di una folta schiera di serrani del club 345, con il  proprio stendardo,  del Governatore del Distretto 69,  Ing. Giancarlo  Callegaro, affiancato da numerosi past Governatori del Distretto.

La prematura dipartita di  Romano Gallizio ha lasciato molto sgomento tra la popolazione locale, alla quale era molto legato, avendo anche svolto la funzione di Assessore Comunale e intensa attività di volontariato, dopo una esistenza dedita alla famiglia e al lavoro, in ambito bancario con notevoli livelli di responsabilità, della quale ha dato ampio risalto il Parroco nella sua omelia.

La sua intensa e appassionata attivita  serrana è stata evidenziata da un ampio intervento di don Lello Birolo, con accenti di affettuoso ricordo delle numerose ed efficaci iniziative serrane portate a termine da Romano.

Il saluto affettuoso e riconoscente a nome del club di Torino  è stato espresso dalla serrana Franca Bertini.

La figlia Elena   ha ricordato con commuoventi espressioni  i momenti felici di vita familiare, con sentimenti di gratitudine nei confronti dei genitori e di dolore per la perdita del padre, in un abbraccio affettuoso con la mamma Anita.

 Paolo Rizzolio

 

Tags: , , , , ,

Comments are closed.