Giubileo Eucaristico

mag 29th, 2014 | By | Category: Primo Piano

Il Serra Club di Viterbo, di recente, ha effettuato un pellegrinaggio ad Orvieto e Bolsena in occasione del Giubileo Eucaristico commemorativo del 750° anniversario dell’evento che diede al mondo la festa del Corpus Domini. Un folto gruppo di serrani viterbesi con la loro Presidente Mariaester Semprini Ancarani ha attuato questo iter di fede per le due località, dove le celebrazioni giubilari erano iniziate già nel 2013 e si protrarranno fino al novembre 2014.

Dietro il presente Giubileo c’è una storia che comprende ben due miracoli (cui fa da sfondo il lago di Bolsena) distanti nel tempo l’uno dall’altro di ben mille anni: l’uno risale al tempo dell’impero romano, l’altro al 13° secolo della nostra era. Le notizie inerenti questi mirabili eventi ci sono state fornite via via per tutta la giornata dalla nostra guida Enzo Ancarani, past governatore del Distretto 72 e coniuge della nostra Presidente.

Il primo miracolo, risalente al periodo romano, riguarda la vita di S. Cristina di Bolsena, intorno alla quale vi sono notizie ammantate da leggenda, che poi nel tempo si sono in parte rivelate affidabili anche attraverso studi archeologici, come quelli del 1880, quando fu ritrovato un sarcofago contenente un’urna di marmo con le ossa di una giovane tra gli undici e i quattordici anni attribuite da esperti alla santa fanciulla martirizzata, per essere diventata cristiana, su ordine del padre “Magister militum” di Bolsena, che la fece gettare nel lago omonimo con una pietra al collo. Questa, invece di portare la vittima al fondo del lago, la sostenne ponendosi sotto ai suoi piedi e così salvandola. Seguirono altri tormenti, ma ella ne uscì varie volte indenne , finchè poi finì i suoi giorni di dolore trafitta da due frecce, come viene raffigurata nelle diverse iconografie.

Quando l’Italia fu attaccata impietosamente dai barbari e dai saraceni nel Medioevo, le reliquie dei Santi divennero preda di trafugamenti e fu appunto per queste contingenze che le spoglie mortali di S. Cristina furono portate nell’isola Martana (isola del lago di Bolsena), da dove vennero successivamente rimosse e riportate nel borgo nativo, Bolsena, nel 1084 ad opera di Papa Gregorio VII in collaborazione della Contessa Matilde di Canossa. Le sacre reliquie furono poste momentaneamente in una grotta (oratorio precristiano), sulla quale sorse poi il Santuario del secondo grande miracolo di Bolsena. Dopo circa 180 anni dai fatti inerenti l’isola Martana, Bolsena era destinata a registrare un altro clamoroso fatto soprannaturale. Era il 1263 allorchè un sacerdote boemo, Pietro da Praga, tormentato dai dubbi sulla transustanziazione, decise di recarsi in pellegrinaggio a Roma a pregare sui luoghi del martirio degli Apostoli, nella speranza di essere aiutato a risolvere i suoi angosciosi problemi. Lungo l’itinerario verso Roma si trovò a passare da Bolsena e qui volle rendere omaggio alla Santa del luogo. Chiese di celebrare la S.Messa a quell’altare sotto al quale oggi si può vedere la pietra basaltica che porta impressi i piedi di S. Cristina. Mentre il dubbioso sacerdote elevava in alto l’Ostia consacrata, un copioso sangue incominciò a sgorgare tra le mani tremanti del celebrante, bagnando il telo di lino sottostante ed anche il pavimento sul quale poggiava l’altare.

Mary Semprini Ancarani Presidente Serra Club Italia Viterbo e Enzo Ancarani

Il Papa Urbano IV , che in quei giorni soggiornava ad Orvieto, informato del prodigioso evento, accorse a venerare il santo Corporale, progettando di metterlo al sicuro ad Orvieto. Questo avvenne mediante una solenne processione da Bolsena ad Orvieto, dove il Papa accolse nelle sue mani il telo di lino bagnato dal Preziosissimo Sangue di Gesù.

L’anno seguente, 1264, Urbano IV volle istituire la festa del Corpus Domini estendendola a tutta la Chiesa. In occasione della prima solenne processione eucaristica fu dato a S.Tommaso d’Aquino di scrivere inni e preghiere per l’ufficio liturgico

Dopo aver visitato il Duomo di Orvieto dove i serrani viterbesi sono rimasti tutti colti da vera commozione nella Cappella del Santo Corporale e dopo avere ammirato gli affreschi di Luca Signorelli nella Cappella di S. Brizio, protettore di Orvieto , ci si è recati nel pomeriggio dopo il pranzo a Bolsena, al Santuario di S. Cristina, per prender parte alla S. Messa celebrata espressamente per il Serra Club dal Rettore del Seminario di Viterbo, don Luigi Fabbri.

Il Santuario è diviso in tre parti: la Chiesa romanica, la Cappella del Miracolo con frammenti di pavimento macchiati dal sangue di Gesù, incastonati da piccoli riquadri dietro l’altare, sul quale troneggia il pezzo di pavimento più consistente ed in cui le preziose macchie sono più evidenti; infine la Cappella di S.Michele dalla quale si accede alle grotte precristiane. Dopo la S. Messa i serrani hanno singolarmente recitato le preghiere giubilari e così si è concluso il pellegrinaggio eucaristico. Il viaggio di ritorno è stato sereno ed invitante a pensieri gioiosi e fraterni.

Elsa Soletta Vannucci

L'avviso del Giubileo Straordinario in corso nella piazza della Basilica di Santa Cristina a Bolsena dove l'ostia trasudò sangue

Nota. Si veda per la storia della istituzione della Solennità del Corpus Domini www.ilvaticanese.it e cliccando sui motori di ricerca “Il Vaticanese.it e Giubileo Eucaristico” di Viviana Normando, in un articolo scritto in occasione del primo Corpus Domini di Papa Francesco.

http://www.ilvaticanese.it/2013/05/giubileo-eucaristico-2013-2014-ricorre-il-750-anniversario-miracolo-bolsena-orvieto/

http://www.ilvaticanese.it/2013/06/giubileo-straordinario-la-storia-della-festa-del-corpus-domini/

Ricordiamo tutte le celebrazioni relative al Giubileo Eucaristico indetto dal Papa, oggi Emerito, Benedetto XVI, che si svolgeranno in settembre e ottobre 2014 e che pubblicheremo in dettaglio.

Foto, fonte Il Vaticanese.it. Foto Serra Club di Aversa.

Calice Eucaristico antistante la Basilica di Santa Cristina a Bolsena e mons. Stefano Rega Rettore del Seminario di Aversa

Tags: , , , , , , , , ,

Comments are closed.