Andare incontro

dic 5th, 2013 | By | Category: Distretti e Club

“La bellezza della vocazione sacerdotale tutta protesa a realizzare la missione della Chiesa”. E’ stato questo il testo della conferenza che Mons. Vittorio Formenti ha svolto nell’incontro con i soci del Serra Club di Roma del 20 novembre, dopo la S. Messa celebrata in commemorazione degli amici serrani che sono tornati alla casa del Padre.

Un tema di rilevante interesse che richiama alla mente la nostra missione di serrani per l’incremento delle vocazioni al sacerdozio per la Chiesa di Dio, affinché la sua Parola sia conosciuta nel mondo e sia di insegnamento all’umanità nel segno della pace, della fratellanza e della giustizia sociale. Compito al quale deve soccorrere anche il laico per “portare la fede” e “per andare incontro agli altri” come ci chiede e ha sollecitato Papa Francesco.

Il ministero sacerdotale, in questi tempi di crisi sociale, oltre ad essere istrumento di Dio per amministrare i sacramenti e per diffondere l’annuncio evangelico deve anche servire per insegnare, guidare, santificare e aiutare gli altri a comunicare verso Cristo. Problema prettamente cristiano, nel senso più completo della parola, ben noto a Mons. Formenti per la carica che ricopre presso la Segreteria di Stato della Santa Sede di Incaricato dell’Ufficio Centrale di Statistica della Chiesa cattolica, che ha come compito principale la raccolta e l’analisi dei dati riguardanti l’evoluzione delle vocazioni sacerdotali e del cattolicesimo nel mondo, i cui risultati sono riportati nell’Annuario Pontificio.

La figura del sacerdote è preminente per la Chiesa cattolica perché, come ha sottolineato Mons. Formenti, “per Cristo il sacerdozio ministeriale riveste un carattere particolare di consacrazione che fa del sacerdote un intermediario tra Dio e l’uomo. Ciò in quanto il prete non trae la sua autorità dal consenso degli uomini, ma direttamente da Cristo e il nucleo della vocazione al sacerdozio è la parola evangelica del “non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi”.

Abbiamo avuto la possibilità di seguire con Mons. Formenti anche il suo percorso di fede, che partendo da un contesto familiare di grande religiosità si è rafforzato con la testimonianza dei sacerdoti che lo hanno seguito sin da bambino fino a subire il fascino della chiamata al discepolato.

Un grazie è stato espresso, infine, da Mons. Formenti, al sodalizio Serra, al quale è legato dal 1992. “Un motivo – ha affermato don Vittorio – per confermare la mia fede di credente e per rinnovare il mio impegno di affiancare tanti laici generosi e meritevoli che zelano le vocazioni al sacerdozio”.

Cosimo Lasorsa intervistato dal Direttore Normando

Non è mancata, infine, l’occasione, da parte del Presidente del Club, dott. Doriano Froldi, per ricordare la luminosa figura del Beato Junipero Serra, del quale ricorre, in questo mese, il 300* anniversario della sua nascita. Per onorare degnamente questo umile frate francescano al quale il nostro movimento si richiama è stata recitata, al termine della conviviale, la preghiera che il Serra International ci ha inviato per la sua canonizzazione.

 

Cosimo Lasorsa

 

Tags: , , , ,

Comments are closed.