Energia progresso e innovazione

nov 17th, 2013 | By | Category: Il Serra nel Mondo

Vista la mia attività professionale, mi sono chiesto se c’è un rapporto fra energia e il servizio serrano ?

Poi riflettendoci bene mi sono reso conto che l’ energia riguarda tutti e tutto, senza l’ energia, in particolare quella elettrica, saremmo bloccati ai primi anni del secolo diciannovesimo usando tuttora lumi a petrolio e candele.

L’ energia significa progresso, ma come tutte le cose buone talvolta viene utilizzata a sproposito o addirittura in modo negativo e dannoso, mi riferisco alle manifestazioni canore di piazza che ci turbano i sonni, alle luci psichedeliche che accecano ed altro.

Inconsciamente talvolta siamo portati all’ utilizzo improprio, prestiamo poca attenzione alle luci accese in locali dove non soggiorna nessuno, davanti ad un frigorifero con lo sportello aperto senza riflettere che ogni minuto si disperdono risorse energetiche e si perdono inutilmente i nostri soldi…una delle missioni del serrano, come quella di ogni cittadino, e di contribuire al benessere della comunità senza sprecare ciò che la tecnologia ed il Signore che guida tutto ci sta donando.

Negli ultimi anni il progresso tecnologico sta facendo passi da gigante, abbiamo scoperto che esistono sistemi di produrre energia elettrica senza utilizzare le risorse minerarie del nostro Pianeta che sappiamo, essere limitate, con lo sfruttamento dell’ energia solare possiamo avere disponibile la cosiddetta “ Green Energy” ovvero energia verde non inquinante prodotta mediante i pannelli solari e fotovoltaici. Siamo solo all’ inizio del processo produttivo, l’ energia disponibile ricavata da tali strumenti non è sufficiente ad alimentare le industrie manifatturiere, l’ Italia ha un “ Gap “ tecnologico enorme, nel nostro Paese il costo è superiore a quello di altre nazioni a noi vicine di oltre il 30 %, ciò penalizza la nostra competitività a livello internazionale. Negli ultimi cinque anni abbiamo perso 8 punti di PIL, una delle cause maggiori è dovuta al notevole costo energetico.

La responsabilità non è da attribuire ai produttori ma alle politiche energetiche che hanno bloccato e stanno penalizzando anche un’altra importante fonte di produzione come le pale eoliche, con la scusa che sono rumorose ed inquinanti del paesaggio non si concede il permesso per la loro istallazione: La Germania pullula di “mulini a vento”, come se non bastasse , se esaminiamo il prezzo dell’ energia elettrica in Italia scopriamo che le tasse incidono oltre il 65 %.

Con la liberalizzazione del mercato, avvenuto all’ inizio del 2000, siamo riusciti a limitare i danni ma non a recuperare competitività internazionale.

Nella mia funzione di Presidente di un Consorzio di aziende energivore cerco di far comprendere come l’ energia sia un bene prezioso, dico sempre: Attenzione non sprecatela, a chi mi chiede di negoziare sul mercato prezzi competitivi dico sempre che il prezzo migliore è quello dell’ energia non consumata !!

Molto spesso pensiamo all’ energia con riferimento a quella elettrica, esistono altre fonti come il gas e l’ acqua per le quali non dobbiamo sottovalutare i consumi; di recente ho parlato con alcuni studenti della facoltà di ingegneria, per richiamare la loro attenzione ho fatto un esempio dell’ acqua che viene sprecata: Se ognuno di noi si lava i denti due volte al giorno, come minimo, se non chiude il rubinetto, spreca circa due litri ogni volta, se cinquanta milioni di Italiani fanno la stessa operazione provate a moltiplicare 200 milioni di litri giornalieri per 365 giorni: Risultato, in Italia, solo per lavarsi i denti consumiamo una quantità corrispondente al volume del lago Trasimeno.

Amici serrani risparmiate e fate risparmiare le risorse energetiche, oltre a spendere meno soldi, darete un contributo importante al progresso ed al benessere.

 

 Dante  Vannini (*)

 

(*) Vice Presidente  dell’International  Board di Serra International

Comments are closed.