“Chiamati a promuovere la cultura dell’incontro”: il Papa a Vescovi e consacrati

lug 28th, 2013 | By | Category: Primo Piano

La sesta giornata del viaggio del Papa a Rio de Janeiro è iniziata con la Santa Messa con i vescovi della 28.ma Gmg e con i sacerdoti, i religiosi e i seminaristi nella Cattedrale di San Sebastiano. Un tempio, consacrato nel 1979, a forma di piramide Maya, in omaggio alle popolazioni del continente latinoamericano evangelizzate dai primi missionari. La base dell’edificio è quadrata e larga, la volta, alta 80 metri, circolare, con una vetrata centrale a forma di croce che attrae verso Cristo.

Nell’omelia Francesco richiama tre aspetti della vocazione:

Innanzitutto, la “memoria della prima chiamata”, il sentire di essere “chiamati da Dio per rimanere con Gesù”. Questo vivere in Cristo, “segna tutto ciò che siamo e facciamo”, è ciò che “garantisce la fecondità del nostro servizio”: infatti, spiega il Papa, “non è la creatività pastorale, non sono gli incontri o le pianificazioni che assicurano i frutti, ma l’essere fedeli a Gesù”.

Quindi, dalla memoria la missione:, con particolare attenzione ai giovani: “Aiutiamoli a riscoprire la gioia di essere amati personalmente da Dio: quando un giovane capisce questo, va avanti…”. Per questo, Francesco ha esortato a “non risparmiar le nostre forze nella loro formazione dei giovani”, educandoli “alla missione”: non solo a “aprire la porta per accogliere”, ma anche a “uscire dalla porta per cercare e incontrare coloro che non frequentano la parrocchia e che sono in realtà gli invitati vip…”.

Infine, il Papa ha ricordato a ogni consacrato il dovere di saper andare controcorrente, rispetto alla “cultura dell’esclusione e dello scarto”, che “si è fatta strada in tanti ambienti” e che non concede “tempo per fermarsi con quel povero”, ma regola i rapporti umani attorno a due dogmi: efficienza e pragmatismo”.

E, nell’affidare a Maria il compito di “spingerci a uscire di casa”, ha concluso ricordando che “l’incontro e l’accoglienza di tutti, la solidarietà e la fraternità, sono gli elementi che rendono la nostra civiltà veramente umana”. Per un maggior approfondimento trascriviamo l’omelia del Santo Padre:

Carissimi fratelli in Cristo,

Guardando questa cattedrale piena di Vescovi, sacerdoti, seminaristi, religiosi e religiose venuti da tutto il mondo, penso alle parole del Salmo della Messa di oggi: «Ti lodino i popoli, o Dio» (Sal 66). Sì, siamo qui per lodare il Signore, e lo facciamo riaffermando la nostra volontà di essere suoi strumenti affinché non solo alcuni popoli lodino Dio, ma tutti. Con la stessa parresia di Paolo e Barnaba annunciamo il Vangelo ai nostri giovani, perché incontrino Cristo, luce per il cammino, e diventino costruttori di un mondo più fraterno. In questo senso, vorrei riflettere con voi su tre aspetti della nostra vocazione: chiamati da Dio; chiamati ad annunciare il Vangelo; chiamati a promuovere la cultura dell’incontro.

1. Chiamati da Dio. E’ importante ravvivare in noi questa realtà, che spesso diamo per scontata in mezzo ai tanti impegni quotidiani: «Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi», ci dice Gesù (Gv 15,16). E’ riandare alla sorgente della nostra chiamata. All’inizio del nostro cammino vocazionale c’è un’elezione divina. Siamo stati chiamati da Dio e chiamati per rimanere con Gesù (cfr Mc 3,14), uniti a lui in un modo così profondo da poter dire con san Paolo: «Non vivo più io, ma Cristo vive in me» (Gal 2,20). Questo vivere in Cristo in realtà segna tutto ciò che siamo e facciamo. E questa “vita in Cristo” è precisamente ciò che garantisce la nostra efficacia apostolica, la fecondità del nostro servizio: «Vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga» (Gv 15,16). Non è la creatività pastorale, non sono gli incontri o le pianificazioni che assicurano i frutti, ma l’essere fedeli a Gesù, che ci dice con insistenza: «Rimanete in me e io in voi» (Gv 15,4). E noi sappiamo bene che cosa significa: contemplarLo, adorarLo e abbracciarLo, in particolare attraverso la nostra fedeltà alla vita di preghiera, nel nostro incontro quotidiano con Lui presente  nell’Eucaristia e nelle persone più bisognose. Il “rimanere” con Cristo non è isolarsi, ma è un rimanere per andare all’incontro con gli altri. Mi vengono in mente alcune parole della Beata Madre Teresa di Calcutta: «Dobbiamo essere molto orgogliose della nostra vocazione che ci dà l’opportunità di servire Cristo nei poveri. È nelle “favelas”, en…. nei “cantegriles”, nelle “villas miseria”, che si deve andare a cercare e servire Cristo. Dobbiamo andare da loro come il sacerdote si reca all’altare, con gioia» (Mother Instructions, I, p. 80). Gesù, Buon Pastore, è il nostro vero tesoro, cerchiamo di fissare sempre più in Lui il nostro cuore (cfr Lc 12,34).

2. Chiamati ad annunciare il Vangelo. Carissimi Vescovi e sacerdoti, molti di voi, se non tutti, siete venuti per accompagnare i vostri giovani alla loro Giornata Mondiale. Anch’essi hanno ascoltato le parole del mandato di Gesù: “Andate e fate discepoli tutti i popoli” (cfr Mt 28,19). E’ nostro impegno aiutarli a far ardere nel loro cuore il desiderio di essere discepoli missionari di Gesù. Certo, molti di fronte a questo invito potrebbero sentirsi un po’ spaventati, pensando che essere missionari significhi lasciare necessariamente il Paese, la famiglia e gli amici. Ricordo il mio sogno da giovane: andare missionario nel lontano Giappone. Dio, però, mi ha mostrato che la mia terra di missione era molto più vicina: la mia patria. Aiutiamo i giovani a rendersi conto che essere discepoli missionari è una conseguenza dell’essere battezzati, è parte essenziale dell’essere cristiani, e che il primo luogo in cui evangelizzare è la propria casa, l’ambiente di studio o di lavoro, la famiglia e gli amici.

Non risparmiamo le nostre forze nella formazione dei giovani! San Paolo usa una bella espressione, che ha fatto diventare realtà nella sua vita, rivolgendosi ai suoi cristiani: «Figli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché Cristo non sia formato in voi» (Gal 4, 19). Anche noi facciamola diventare realtà nel nostro ministero! Aiutiamo i nostri giovani a riscoprire il coraggio e la gioia della fede, la gioia di essere amati personalmente da Dio, che ha dato suo Figlio Gesù per la nostra salvezza. Educhiamoli alla missione, ad uscire, ad andare. Gesù ha fatto così con i suoi discepoli: non li ha tenuti attaccati a sé come una chioccia con i suoi pulcini; li ha inviati! Non possiamo restare chiusi nella parrocchia, nelle nostre comunità, quando tante persone sono in attesa del Vangelo! Non è semplicemente aprire la porta per accogliere, ma è uscire dalla porta per cercare e incontrare! Con coraggio pensiamo alla pastorale partendo dalla periferia, partendo da coloro che sono più lontani, da coloro che di solito non frequentano la parrocchia. Anche loro sono invitati alla mensa del Signore.

3. Chiamati a promuovere la cultura dell’incontro. Purtroppo, in molti ambienti, si è fatta strada una cultura dell’esclusione, una “cultura dello scarto” Non c’è posto né per l’anziano né per il figlio non voluto; non c’è tempo per fermarsi con quel povero sul bordo della strada. A volte sembra che per alcuni, i rapporti umani siano regolati da due “dogmi” moderni: efficienza e pragmatismo. Cari Vescovi, Sacerdoti, Religiosi e anche voi Seminaristi che vi preparate al ministero, abbiate il coraggio di andare controcorrente. Non rinunciamo a questo dono di Dio: l’unica famiglia dei suoi figli. L’incontro e l’accoglienza di tutti, la solidarietà e la fraternità, sono gli elementi che rendono la nostra civiltà veramente umana.
Essere servitori della comunione e della cultura dell’incontro! Lasciatemi dire, che dovremmo essere quasi ossessivi in questo senso. Non vogliamo essere presuntuosi, imponendo “le nostre verità”. Ciò che ci guida è l’umile e felice certezza di chi è stato trovato, raggiunto e trasformato dalla Verità che è Cristo e non può non annunciarla (cfr Lc 24,13-35).

Cari fratelli e sorelle, siamo chiamati da Dio, chiamati ad annunciare il Vangelo e a promuovere con coraggio la cultura dell’incontro. La Vergine Maria sia nostro modello. Nella sua vita ha dato «l’esempio di quell’affetto materno che dovrebbe ispirare tutti quelli che cooperano nella missione apostolica che ha la Chiesa di rigenerare gli uomini» (Conc. Ecum. Vat. II, Cost. dogm. Lumen gentium, 65). Sia Lei la Stella che guida con sicurezza i nostri passi incontro al Signore. Amen.

Dopo la celebrazione eucaristica il Pontefice si  recato nel teatro municipale di Rio de Janeiro per incontrare la classe dirigente brasiliana

“Dialogo, dialogo, dialogo”. E’ la ricetta che Papa Francesco indica alla classe dirigente brasiliana. “Solo così cresce una buona intesa”, O si scommette sulla cultura dell’incontro - avverteo si perde tutti“. Francesco chiede ricorda che “tra l’indifferenza egoista e la protesta violenta c’è sempre un’opzione possibile: il dialogo. Il dialogo tra le generazioni, il dialogo con il popolo, perché tutti siamo popolo, la capacità di dare e ricevere, rimanendo aperti alla verità. Un Paese cresceammonisce il Papaquando dialogano in modo costruttivo le sue diverse ricchezze culturali: cultura popolare, universitaria, giovanile, artistica e tecnologica, cultura economica e cultura familiare, e cultura dei media”. 

Francesco dice quindi stop agli elitarismi e chiede dignità per tutti e sradicamento della povertà. Sferza i politici ricordando loro che chi ha un “ruolo di guida” deve mantenere sempre “viva la speranza” anche se “non si vedono risultati”. Il Papa si riferisce alla “responsabilità sociale. Questa – sottolinea – richiede un certo tipo di paradigma culturale e, conseguentemente, di politica. Siamo responsabili della formazione di nuove generazioni, capaci nell’economia e nella politica, e ferme sui valori etici”.

Fonte: www.vatican.va; www.adnkronis.it¸ www.avvenire.it

Tags: , , ,

Comments are closed.