Latina, bilancio delle attività

lug 5th, 2013 | By | Category: Vita del Serra

Premesso che questa presidenza ha rappresentato per me una ulteriore occasione di arricchimento e di crescita spirituale perché i serrani e il presidente in particolare sono al servizio della Chiesa, con la preghiera e con le opere, piccole ma concrete, finalizzate a favorire il sacerdozio e la vita consacrata, ma anche la riscoperta e il rinnovo della risposta di ciascuno di noi alla chiamata di Dio.

Così come indicato dal papa e come proposto, con integrazione, dal C.N.I.S. ho scelto come tema dell’anno “La Fede dal dono alla ricerca”.

Il Consiglio Direttivo del Club ha deliberato di aderire al tema proposto dando mandato al presidente di stilare il programma sulla base delle seguenti linee guida:

-         riscoperta dei santuari e dei luoghi di culto diocesani più significativi, che la fede dei nostri padri ci ha lasciato in eredità;

-         organizzare, a coronamento del nostro cammino di fede annuale, un pellegrinaggio a Fatima e a Santiago de Compostela, due dei luoghi simbolo della cristianità. Fatima ci ricorda il sempre più attuale messaggio di pace di Maria inviato all’umanità, servendosi di tre umili e innocenti pastorelli, durante l’immane massacro della prima guerra mondiale, mentre Santiago ci riporta all’immenso flusso di pellegrini che nei secoli ha unito, e tutt’ora unisce, Roma, centro della cristianità, da un  lato alle sponde dell’oceano quasi a proiettare il Vangelo verso popoli sconosciuti, successivamente raggiunti ed evangelizzati, almeno in parte, dal Beato padre Junipero Serra e dall’altro alla Terra Santa, la patria di Gesù, dove affondiamo le radici della nostra fede.

Nel corso dell’anno il programma, fermo restando l’impianto originario, ha  subito qualche variazione di data e sono saltati un paio di incontri per motivi vari:

significativamente il giorno dell’apertura dell’anno sociale (13/10/2012)  ho voluto iniziare con l’incontro con l’ordinario diocesano mons. Giuseppe Petrocchi il quale con pazienza e paterna comprensione ha voluto ascoltare  tutte le problematiche legate al club. Il Vescovo nell’omelia della Santa Messa ha insisituto sulla fede ricordandoci, fra l’altro, che si può trasmettere solo ciò che si possiede. A tale incontro, accogliendo il mio sentito invito, hanno attivamente partecipato il governatore dr. Giovanni Sapia e il dirigente nazionale prof. UgoLa Cava i quali, nei loro interventi, hanno saputo ridarci slancio ed entusiasmo oltre ai preziosi consigli per risolvere alcune criticità;  molto suggestiva e spiritualmente coinvolgente è stata la visita (10 – 11 – 2012)  al “Santuario del Crocifisso” in Bassiano, un eremo che nel 1400 fu fondato dai cosiddetti “fraticelli” che predicavano la povertà assoluta e che furono scacciati e perseguitati dai francescani di Valvisciolo. Essi si rifugiarono in una località a circa3 kmda Bassiano in una località, allora inaccessibile, detta Valle Oscura, dove vissero in un paio di grotte una delle quale venne adibita a chiesa e che risulta affrescata con dipinti di varie epoche, alcuni dei quali risultano di pregevole fattura. Viene chiamato santuario del Crocifisso perché nel 1770 venne eretta una Cappella dove venne collocato un pregevole Crocifisso di padre Pietrosanti di Bassiano. Oggi l’eremo è soggetto a restauri e speriamo che torni ad essere ildel luogo di che è stato fino alla metà del secolo scorso;

Abbiamo proceduto alla consegna degli attestati agli alunni partecipanti alle finali del concorso scolastico 2011 – 2012 presso l’Istituto scolastico Omnicomprensivo “A. Volpi” di  Cisterna di Latina, dove siamo stati accolti con calore dalla Dirigente scolastica, dal corpo insegnante, in particolare dall’insegnante di religione. L’insegnante di musica ha preparato un concerto tutto per noi. Il presidente si è limitato a porgere i saluti, mentre ha lasciato  al past presidente, ing. Antonio Fonicello cui va il merito di aver organizzato il concorso, il compito di illustrare i fini del concorso scolastico nell’ambito dell’attività del movimento Serra;

Abbiamo voluto rivivere la natività di Gesù in piena comunione con il nostro Vescovo (14 -12 – 2012);

durante la visita della chiesa di S. Paolo, eretta nel 1600 sull’Appia in località Tor Tre Ponti, abbiamo rivissuto il consolidarsi della fede cristiana dei nostri antenati che accolsero l’”Apostolo delle Genti” a “Forum Appii” (oggi Borgo Faiti) e l’accompagnarono fino alla fortezza di Tor tre Ponti dove passò la notte mentre si recava da prigioniero a Roma per essere giudicato a causa della sua fede in Cristo. Nello stesso giorno ci siamo recati a rendere omaggio alla “Madonna della Delibera” in Terracina. Un Santuario, oggi conosciuto da pochi, ma molto venerato fino a una cinquantina di anni fa. Eretto, al di là della leggenda, perché la diocesi di Terracina era zona di confine tra lo Stato della Chiesa ed il Regno delle due Sicilie e, pertanto, non poteva mancare un luogo di culto dedicato alla Madre del Signore;

Il 02 – 03 – 2013 ci siamo recati a pregare nella casa (Cascina Vecchia) del martirio di Santa Maria Goretti, patrona dell’agro pontino. Molto commovente e coinvolgente è stata la celebrazione della Santa Messa nella Cappella del martirio della santa. Il celebrante Mons. Renato Di Veroli, decano del clero diocesano, nell’omelia ha saputo toccare, parlando della santa bambina, i cuori e le menti di ogni partecipanti e tutti alla fine dell’omelia avevamo gli occhi pieni di lacrime e i cuori ricolmi di fede. Al termine della Santa Messa la scrittrice e giornalista Rita Calicchia ci ha parlato del suo libro scritto in onore di S. Maria Goretti, la cui peculiarità consiste nell’aver saputo inquadrare la breve vita di “Marietta” nella situazione di estrema povertà, di sudore e di malaria in cui versavano coloro che vivevano nelle paludi pontine. Infine la dr.ssa Calicchia ci ha proiettato il commovente filmato della visita di Sua Santità papa Giovanni Paolo II° alla casa del martirio e alla città di Latina. Un grazie particolare agli amici Gianni Sapia e a UgoLa Cavaper aver voluto condividere con noi questi intensi momenti di fede;

giovedì 21 -03- 2013 abbiamo effettuata l’annuale visita al Seminario Maggiore Leoniano di Anagni. Per noi l’incontro con i seminaristi rappresenta sempre una emozione particolare e una intensa manifestazione di amore perché, data la lontananza non possiamo condividere frequentemente con loro il nostro essere serrani. Ringrazio il rettore don Gianni Checchinato e tutti i seminaristi per l’affetto, l’amore e l’entusiasmo con il quale ci accolgono;

a chiusura di questo nostro annuale cammino di fede e verso la fede, vi assicuro che esso, magari in forma e modi diversi, proseguirà anche l’anno prossimo, dal 28 – 04 al 05 – 05 abbiamo fortemente voluto effettuare un pellegrinaggio a Fatima e a Santiago de Compostela. Visitare e pregare nei luoghi dovela Madonnaha voluto dettare il proprio messaggio di pace a tre umili pastorelli, il convento dove per anni è vissuta Lucia e la tomba dell’apostolo Giacomo il Maggiore non può che rafforzare la nostra fede e non può che commuoverci fino alle lacrime. Un ringraziamento particolare va alla presidente nazionale eletta Prof. Maria Luisa Coppola che ha voluto condividere con noi questo autentico cammino di fede;

il 28 – 06 – 2013 abbiamo chiuso l’anno sociale conla Santa Messacelebrata dal Vicario Generale Mons. Mario Sbarigia e a seguire la conviviale. Il S. E. Mons. Giuseppe Petrocchi, essendo stato nominato da S. S. Papa Francesco Arcivescovo Metropolita dell’Aquila e dovendo ricevere il “Pallio” il 29 non ha potuto partecipare. Hanno presenziato alla nostra giornata il Governatore del 72 Distretto il dr. Giovanni Sapia con la Gentile Signora Gianna e e il Prof. UgoLa Cava.

Ringrazio il dr. Giovanni Sapia per aver guidato con sapienza e competenza il nostro Distretto 72.

Un augurio particolare all’Avv. Paolo Belmonte, nominato nell’ultimo Consiglio Distrettuale Governatore Eletto del Distretto 72.

Un pensiero e una preghiera per il presidente del C.N.I.S. avv. Antonio Ciacci perché il Signore ela Madonna continuino ad assisterlo nel difficile compito che gli è stato affidato.

Un pensiero e una preghiera speciale al past presidente avv. Donato Viti e alla gentile signora Piera, non solo e non tanto per la particolare stima e affetto che mi uniscono loro.

Un grazie a tutti per avermi, ancora una volta, consentito questa splendida esperienza. Vi abbraccio uno per uno e prego il Signore perché ci dia un nuovo anno intenso e vivo.

Lidano Serra 

Comments are closed.