Le idee del mondo su diritto alla libertà di religione: Serra Italia guarda a TED

apr 20th, 2013 | By | Category: Mondo Cattolico

L’evento del Vaticano, nell’Auditorium Conciliazione, curato da Giovanna Abbiati,  in stile TED-Technology, Entertainment, Design, sul tema della libertà di religione, ha avuto un successo straordinario di utenti e di accrediti. Una giornata di arte, musica, cultura, scienza, sport, comunicazione, patrocinata dal Pontificio Consiglio della Cultura e da Roma Capitale, svoltasi dalle 08.45 alle 19.00 il 19 aprile 2013. Le grandi idee che occorrono al mondo in questi ambiti raccontati in soli 18 minuti nella formula TED, in video, in diretta streaming, da esponenti eminenti della società, del mondo universitario e delle professioni, oramai anche riferimento di momenti accademici.

“Il tema non è la religione in sé, ma il diritto alla libertà di religione che uno dei diritti fondamentali sancito dalla dichiarazione dei diritti dell`uomo” – ha detto Padre Hector Guerra, promotore del TEDx di Via della Conciliazione.

“E’ stato senza dubbio in questa giornata – ha detto Giovanna Abbiati organizzatrice di TEDx – promosso l’obiettivo della comprensione reciproca e la diffusione del rispetto della libertà di religione in tutto il mondo, come previsto nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1948”.

 

Si è apprezzato lo sforzo compiuto, in particolare, da alcune importanti personalità per potere raccontare la loro esperienza in rete, in video, uscendo dai canoni tradizionali, accademici ed aprendosi al mondo perché tutti sappiano. Tra costoro, nella mattinata, la relazione di Soumaya Slim, curatrice del Museo Soumaya in Mexico, su “Witness of Beauty” e la principessa Sheika Hussah Sabah al-Selem al-Sabah, proprietaria della Sabah Collection, una delle più grandi collezioni di arte islamica.

 

“Uscire dalle mura, anche delle università, per entrare nel mondo – ha dichiarato Viviana Normando Direttore Responsabile de Il Vaticanese.it della Fondazione Paolo di Tarso presente all’evento e di Serra Club Italia.it portale laico delle vocazioni sacerdotali – affinchè gli argomenti, le scoperte, i suggerimenti, le curiosità, i luoghi appartengano per davvero a tutti, perché la verità sia di tutti, venga restituita al pianeta per dare nuove opportunità globali, per compiere scelte migliori.

Il portale Serra Club Italia segue le linee della comunicazione etica avviata nell’esperienza di congiunzione positiva con la Fondazione Paolo di Tarso che ne ha creato, con una tecnica semplice ed essenziale, il portale per le vocazioni. Serra Club Italia.it testimonia esempi vocazionali, “gocce di sorgente”, episodi e avvenimenti all’interno del Serra Italia e della Chiesa ma non solo, essendo generato da un movimento laico, per far sì che i chiamati a “quell’Eccomi” acquisiscano correttamente i dati e possano compiere, anche attingendo dalla rete, come oggi si fa sempre più spesso, scelte più giuste. E’ un iter, avviato con lo sviluppo del portale e a Bari soprattutto nell’ultimo congresso nazionale, con brevi demo, interviste di un minuto proiettate subito nel web 2.0, che si concretizza e  viene fisicamente e quotidianamente supportato dagli educatori e dai serrani accanto agli amici seminaristi e sacerdoti. I Serrani ci sono sempre per i sacerdoti in ogni territorio dove in Italia e nel mondo vi è un distretto e un club con amici da conoscere e su cui contare”. “Il Vaticanese.it – continua Viviana Normando – invece, ha il compito di divulgare le news della Chiesa Cattolica creando un’autostrada digitale e correttamente etica, come fa da dieci anni – il 18 aprile è stato il decennale della Fondazione Paolo di Tarso, www.paoloditarso.it – a favore della promozione dei valori della fede cristiana ma anche del made in Italy e brand Italia poichè fa parte di un percorso compiuto dal Gruppo ComunicareITALIA, che una volta divulgati i concetti e la progettualità, testualmente e in video, dimostra come la rete sia capace di generare nuove economie per trasformare tutti insieme gli eventi e la storia umana e per tornare all’ispirazione di TED, traendo esempio anche dall’approccio di grandi anime come Giovanni Paolo II, che sussurrava ai giovani ‘Prendete la vostra vita e fatene un capolavoro’”. “E attraverso la rete si può – conclude Viviana Normando. Se forze politiche sono al governo avendo fatto breccia in particolare con la rete allora, immaginiamo e realizziamo, se con la rete si possono anche aiutare le persone a crescere, ad affinare la loro strada e la vocazione di vita o la vocazione sacerdotale, il loro livello qualitativo di vita e si possono anche creare persino posti di lavoro a vantaggio della nostra Italia, scrigno della tradizione cristiana e del mondo”.

 

“Vi è stato una casualità provvidenziale – dichiara il Vice Presidente alle Comunicazioni di Serra International Italia Renato Vadalà -. Insieme al Presidente nazionale di Serra Italia Antonio Ciacci abbiamo guardato all’incontro dei movimenti ecclesiali e laici che il Papa farà per il tramite di un ulteriore convegno moderno che ha luogo dal 15 al 17 maggio presso il Pontificio Ateneo Regina Apostolorum, desiderando che il Serra vi partecipasse con i suoi strumenti editoriali. Nel frattempo due mesi dopo Viviana Normando, il nostro direttore del portale, durante il convegno nazionale dell’Ordine dei Giornalisti ha incontrato esponenti dell’Università Regina Apostolorum, a cui guardiamo con incrementata attenzione in tutti i suoi eventi, importanti per il mondo e per i temi pro life in particolare. Ed è così che il percorso congiunto ha portato Viviana Normando a rappresentare anche Serra International Italia in occasione del Congresso TEDx, perché una volta avviato un cammino di comunicazione etica a favore delle vocazioni sacerdotali, ci interessa molto aggiornarci e riflettere su modalità sempre nuove, al fine di potere dialogare al meglio da laici con le vocazioni e supportare sempre meglio la Chiesa, in questo delicato cammino. A TED infatti guarderemo anche in occasione del congresso nazionale di questo biennio 2012-2014  perché il Serra International Italia sia sempre più al passo con i temi e risorsa capillare di informazione per le vocazioni”.

 

Ricordiamo che il format Ted è nato 26 anni fa negli Stati Uniti. Prevede che oratori di grande qualità raccontino attraverso la propria storia, in 18 minuti, eventi e riflessioni che vale la pena divulgare. I contenuti vengono poi pubblicati su Internet a disposizione di un pubblico globale, attraverso appunto il circuito internet denominato Ted, prodotto da una organizzazione non profit.

Il Ted è una piattaforma di conferenze che si svolge in due momenti: un evento pubblico e la ritrasmissione internet che raggiunge all`anno 2 miliardi di utenti del web.

Fra gli speaker già coinvolti negli eventi che hanno luogo in tutto il mondo anche Bill Gates, Jane Goodall, Gordon Brown, Isabel Allende e Bono.

 

Fra gli oratori nel Tedx a Roma: l’astronomo Padre Guy Consolmagno (Specola Vaticana), la cantante Gloria Estefano (Usa), l’architetto Daniel Libeskind (Usa), il rabbino capo David Rosen (Gerusalemme), il cardinale Gianfranco Ravasi (Stato del Vaticano) rappresentato dal Sottosegretario al Pontificio Consiglio per la Cultura mons. Sanchez De Toca Melchor, l’educatore Wenzong Wang (Cina), il campione Nba Vlade Divac (Serbia), la scienziata Pilar Mateo (Spagna), lo studioso della Sindone Barrie Schwortz (Usa), la storica dell’arte Elizabeth Lev, (Italia).

Straordinari tutti, particolarmente disinvolti gli interventi nell’ambito dell’architettura di Daniel Libeskind ebreo di origine polacca, architetto tra i più conosciuti al mondo che nel 2003 viene scelto per progettare la ricostruzione di Ground Zero e realizzare la Freedom Tower e di Fernando Romero del Messico, “The power of architecture”.
Incredibile l’opera su tela dell’artista Mohammed Alì eseguita in diretta nel tempo previsto dal sistema TED che ha dedicato a Papa Francesco, come metafora visiva di scambio interreligioso.

 

Oggi sono 5000 le licenze Ted in 97 paesi del mondo ed attualmente anche il Vaticano.

 

Ringraziamo l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum per averci dato l’opportunità di partecipare attivamente al prestigioso appuntamento, in particolare il Decano della Facoltà di Bioetica Padre Gonzalo Miranda L.C..

 

Tra le tante domande su cui riflettere – è stato sottolineato al TEDx Event – ci si è chiesto come è possibile che tante grandi anime come Madre Teresa di Calcutta, Ghandi, Giovanni Paolo II, Edith Stein e tanti altri siano stati capaci contemporaneamente del più estremo sacrificio e della gioia più profonda.

Come e quante volte la fede, l’amore, e la speranza abbiano potuto trasformare gli eventi e la storia umana? Questo il primo spunto di riflessione da cui è partita la giornata di diritto alla libertà religiosa.

 

Fonte e approfondimenti: www.tedxviadellaconciliazione.com

 

Viviana Normando

 

Tags: , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.