Riproposta la Via Crucis a Matera

mar 22nd, 2013 | By | Category: Distretti e Club

 

Continua la tradizione del Serra Club di Matera. Anche quest’anno, in preparazione della S. Pasqua, è stata riproposta la significativa celebrazione liturgica  nel cammino penitenziale a ricordo della Passione e Morte di nostro Signore Gesù Cristo.

La suggestiva Via Crucis serrana è stata  organizzata con la collaborazione del Distretto n. 73 di Puglia e di Basilicata, con il patrocinio del CNIS e con l’attiva partecipazione delle Parrocchie di San Giovanni Battista e della Cattedrale.

L’Arcivescovo mons. Salvatore Ligorio ha dato avvio alla manifestazione con una erudita ed illuminante prolusione. Il simbolico percorso doloroso di Gesù Cristo al Golgota,  affollato di partecipanti e di pubblico, nonostante la rigida temperatura invernale, si è snodato con partenza dalla piazza S. Francesco d’Assisi dove si è radunata la folla.

Il corteo della “Via Dolorosa” ha proseguito verso il Duomo per immettersi lungo un suggestivo percorso appositamente scelto nel rione “Sasso Barisano”. L’itinerario si è spiegato in un ambiente che richiama in modo rilevante, per caratteristica morfologica, la ben nota “Via Dolorosa” di Gerusalemme.

Il rito è stato guidato dal Presidente del Serra Club di Matera Salvatore Milanese, dal Governatore del distretto 73 Savino Murro e dai presidenti dei club del nostro distretto. Ciascuno di essi ha proferito le proprie riflessioni nelle prestabilite postazioni. Il cappellano del Serra Club di Matera don Domenico Falcicchio, unitamente a don Vincenzo Di Lecce,  Parroco della Cattedrale, hanno curato la manifestazione  per la parte religiosa, recitando le preghiere di rito. Il Cappellano don Domenico Falcicchio si è anche soffermato su alcune particolarità storico-artistiche delle chiese rupestri ubicate sul percorso seguito.

Con tale manifestazione  sono state interpretate solennemente da parte di tutto il Movimento Serra le grandi finalità religiose proposte dal rito sacro, in un particolare clima di cultura e di fede, a testimonianza del dolore universale della “Passione di Cristo” che ha patito per il salvifico riscatto dell’Umanità.

In ogni singola Stazione sono state proferite, oltre a quelle ufficiali delle nominate autorità serrane, anche alcune riflessioni di soci e di partecipanti laici delle due parrocchie.

E’ stato rappresentato certamente un cammino di riflessione, nonché di  maturazione ed è stata un’idonea occasione di sincera ed aperta preghiera versola Crocedel Signore perché ci abbracci tutti con la sua grande bontà e con l’infinita predisposizione del suo magnanimo cuore al perdono. Questo messaggio serrano di sacrificio, che promana dalla Croce, porti gloriosamente alla Resurrezione!

Mi piace chiudere questa breve cronaca con le parole espresse dal nostro Presidente Salvatore Milanese: “Signore, aiutami anche a vivere rapporti di grande cordialità e di grande misericordia nella nostra comunità, nei movimenti cattolici  e, in modo particolare, in quello serrano, dove la nostra finalità non deve essere né il giudizio, né  la condanna, ma il perdono e la pace. Per crescere nella Fede, Signore, dacci da bere l’acqua zampillante per la vita eterna, dacci la fonte della fede, della speranza e della carità. Daccila Fedenel magistero della Chiesa, soprattutto del nuovo Papa Francesco di recente salito al soglio pontificio, la fede nella Chiesa locale guidata dal nostro Pastore mons. Salvatore Ligorio”.

LINO SABINO

 

 

Tags: , , , , , , ,

Comments are closed.