Ostensione della Sindone in tv

mar 7th, 2013 | By | Category: Mondo Cattolico
In mondovisione l’ostensione della Sindone. In collaborazione con Rai Uno, l’arcidiocesi di Torino promuoverà il 30 marzo, Sabato Santo, l’ostensione televisiva del Sacro telo. L’iniziativa è stata presentata nei giorni scorsi a Roma da monsignor Domenico Pompili, sottosegretario Cei e direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali, al convegno “Sindone e nuova evangelizzazione” dell’Ateneo Regina Apostolorum. “Pur tenendo conto dell’impostazione televisiva dell’evento – ha spiegato monsignor Pompili – tutto il programma sarà volto a costruire una partecipazione intensa del pubblico, aiutandolo ad entrare, unitamente ai presenti in Duomo, nel profondo e nell’attualità di questo mistero millenario”.
La Sindone, ha ricordato il sottosegretario, “rappresenta un ‘caso serio’ della comunicazione della fede, capace di accendere la dimensione critica dell’intelligenza che s’interroga intorno alla sua autenticità, ma anche di accendere nel cristiano la dimensione contemplativa dell’intelligenza, grazie alla quale è dato di scorgere nel telo sindonico la traccia indelebile di una Presenza”. Inoltre, “riesce ad accendere la dimensione comunicativa dell’intelligenza perché lo svilupparsi degli studi e la crescente popolarità dell’immagine è legata proprio alla fotografia”.
Il programma di Rai Uno durerà un’ora e mezza e sarà suddiviso in tre parti. La prima avrà il suo culmine in un minuto di silenzio e di adorazione di fronte al Sacro telo. Nella seconda s’alterneranno letture di brani delle Sacre Scritture e brevi intermezzi strumentali, e si concluderà, dopo l’omelia dell’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, con alcune testimonianze di gente comune. Nella terza si svolgerà la processione davanti al Sacro lino di circa 300 persone, in rappresentanza di ogni categoria della comunità cristiana, accompagnata da una “colonna sonora” composta da letture, sottofondi strumentali e brani musicali.
Fonte Copercom
Tags: , , ,

Comments are closed.