No a indifferenza e materialismo e integrazione dei disabili

dic 3rd, 2012 | By | Category: Primo Piano

Il Papa parla di Avvento e Giornata dei disabili

Avvento e Anno liturgico sono quest’anno ulteriormente arricchiti dall’Anno della fede, a 50 anni dall’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II. E’ quanto ha ricordato il Papa all’Angelus per poi parlare delle responsabilità dei cristiani in tema di “amore e giustizia”. Ha ricordato la beatificazione del martire indiano Devasahayam Pillai. Poi, il pensiero alla Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità, che si celebra domani, e il forte appello a “promuovere la loro piena partecipazione alla vita della società”.

“I vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita … vegliate in ogni momento pregando»: con le parole del vangelo di Luca, Benedetto XVI chiede “sobrietà e preghiera”, in questo tempo di Avvento, di attesa per la venuta di Gesù. Il Papa ricorda anche l’invito di San Paolo a «crescere e sovrabbondare nell’amore», per poi chiedere ai cristiani “un diverso modo di vivere”:

“In mezzo agli sconvolgimenti del mondo, ai deserti dell’indifferenza e del materialismo, i cristiani accolgono da Dio la salvezza e la testimoniano con un diverso modo di vivere, come una città posta sopra un monte”.

E il Papa sembra ricordare le responsabilità dei cristiani, parlando di amore e di giustizia:
“La comunità dei credenti è segno dell’amore di Dio, della sua giustizia che è già presente e operante nella storia ma che non è ancora pienamente realizzata, e pertanto va sempre attesa, invocata, ricercata con pazienza e coraggio”.

“La Vergine Maria – sottolinea il Papa – incarna perfettamente lo spirito dell’Avvento, fatto di ascolto di Dio, di desiderio profondo di fare la sua volontà, di gioioso servizio al prossimo”. Dunque l’incoraggiamento a farci guidare da Maria “perché il Dio che viene non ci trovi chiusi o distratti, ma possa, in ognuno di noi, estendere un po’ il suo regno di amore, di giustizia e di pace”.

Poi il pensiero e la preghiera sono per il nuovo beato indiano Pillai:
“Oggi, a Kottar, in India, viene proclamato beato Devasahayam Pillai, un fedele laico vissuto nel 18° secolo e morto martire. Ci uniamo alla gioia della Chiesa in India e preghiamo che il nuovo Beato sostenga la fede dei cristiani di quel grande e nobile Paese”.

Domani si celebra la Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità e Benedetto XVI lo ricorda con parole molto chiare sul dovuto rispetto:
“Ogni persona, pur con i suoi limiti fisici e psichici, anche gravi, è sempre un valore inestimabile, e come tale va considerata”.
E per poi lanciare due appelli: uno alla comunità ecclesiale, un altro al mondo della politica:
“Incoraggio le comunità ecclesiali ad essere attente e accoglienti verso questi fratelli e sorelle. Esorto i legislatori e i governanti a tutelare le persone con disabilità e a promuovere la loro piena partecipazione alla vita della società”.

Nei saluti in varie lingue torna l’invito a vivere l’attesa e la speranza di Gesù nel contesto dell’Anno della fede: in francese l’invito particolare a “scoprire il legame tra le verità sull’incarnazione di Cristo e la nostra vita quotidiana”. In inglese a richiamarsi all’esempio del Beato Pillai. In spagnolo un richiamo alle “buone opere” che ci avvicinano a Cristo. In polacco l’invito alla vigilanza e alla preghiera “affinché siamo pronti al gioioso incontro con il Signore”. In italiano un cordiale saluto ai pellegrini di lingua italiana, in particolare al gruppo di preghiera «Missionari del Rosario» di Castellammare di Stabia. E un particolare saluto ai vari esponenti del mondo dello spettacolo viaggiante, che – dice il Papa – “ieri ho avuto la gioia di incontrare”.

 

Fonte Radiovaticana – Fausta Speranza

 

Tags: , ,

Comments are closed.