Nelle terre d’Africa, dove tu sei chiamato a operare…

apr 21st, 2012 | By | Category: Primo Piano

Una festante comunità di fedeli riunita nella gioia e nella preghiera è stata quella che, sabato 14 aprile, ha accompagnato monsignor Luciano Russo all’altare per ricevere l’ordinazione episcopale, alla presenza del segretario di Stato Vaticano Em.mo Signor Cardinale Tarcisio Bertone Segretario di Stato di Sua Santità, alla presenza di S.Em. Rev.ma Mons. Crescenzio Sepe, cardinale di Napoli, di S.Ecc. Rev.ma mons. Giovanni Angelo Becciu, arcivescovo titolare di Roselle e Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato, del nostro vescovo, S.E. mons. Angelo Spinillo, che solo qualche mese aveva salutato con fraterna sollecitudine la designazione di mons. Giovanni D’Aniello – un altro figlio della chiesa aversana – alla Nunziatura Apostolica in Brasile.

S.Ecc. Mons. Luciano Russo con Mons. Rega che porge un dono

La cerimonia si è svolta nella Chiesa cattedrale di Aversa, il duomo dedicato a San Paolo. Nell’occasione, a nome del Santo Padre Benedetto XVI, il cardinal Bertone ha conferito a mons. Russo la cattedra arcivescovile di Monteverde (AV), affidandogli nel contempo l’ufficio di Nunzio Apostolico in Rwanda: «Il dono per eccellenza della Pasqua è lo Spirito Santo, lo Spirito di Verità d’ora in poi gli apostoli sono chiamati ad annunciare nel mondo la resurrezione di Gesù, un annuncio che, prima di essere una parola trasmessa da uomini, è opera che viene dall’alto. Tra poco, tramite l’imposizione delle nostre mani, la potenza dello Spirito si effonderà su di te. Tale potenza ti concederà il carisma sacramentale del sommo sacerdozio e ti porrà come successore degli apostoli; Cristo sta per invitarti a continuare la sua missione: “Come il padre ha mandato me, così io mando voi”, io mando te. Questa è la grande rivoluzione del Vangelo, di cui il vescovo è il primo testimone. Nelle terre d’Africa, dove tu sei chiamato a operare, la chiesa ha una grande tradizione di annunciazione, di testimonianza, fino al martirio: in un paese come il Rwanda, che ha conosciuto l’orrore del genocidio, il rappresentante pontificio ha il compito di accompagnare nel cammino i sacerdoti e i vescovi, facendosi servitore dei suoi fratelli in Cristo. Nessun timore prevalga sulla speranza». Al termine della cerimonia, il neo-vescovo mons. Russo ha voluto sottolineare personalmente il suo legame di fratellanza con la chiesa locale: «Con animo grato, sento in modo speciale la mia appartenenza alla diocesi di Aversa, la cui Cattedrale oggi ci accoglie. […]. Alla Vergine Maria, Madre di sapienza e di prudenza – ha concluso – affido il mio ministero episcopale e la missione che il Santo Padre mi ha affidato in terra d’Africa, cercando di essere umile strumento nelle mani del Signore, per il bene delle anime e la gloria di Dio».

Monsignor Luciano Russo è nato a Lusciano (Caserta) il 23 giugno 1963. Laureato in Diritto Canonico, è stato ordinato sacerdote il 1° ottobre 1988 ed incardinato in Diocesi di Aversa. Entrato a soli trent’anni nel Servizio diplomatico della Santa Sede, ha svolto il proprio apostolato presso le Rappresentanze diplomatiche della Santa Sede in Papua Nuova Guinea, Honduras, Siria, Brasile, Paesi Bassi, Stati Uniti d’America e in Bulgaria, spendendo le sue energie in numerosi progetti di solidarietà e di evangelizzazione.

Il suo percorso formativo e missionario testimonia una vocazione precoce, sempre coltivata con tenacia e devozione nelle strutture della Diocesi prima, poi del Vaticano. Da ragazzo ha frequentato le scuole presso le Suore Oblate di Parete; si è iscritto successivamente al Seminario Vescovile di Aversa, dove ha conseguito la Maturità classica. In seguito è stato alunno dell’Almo Collegio Capranica in Roma dal 1981 al 1988, frequentando la Pontificia Università Gregoriana, dove ha conseguito il Baccalaureato in Filosofia e Teologia. Si è laureato in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Lateranense con pubblicazione della tesi sulle “Organizzazioni Internazionali”. Le sue doti di equilibrio e capacità di mediazione, unite alla forza della sua fede, gli hanno permesso di accedere ai delicati uffici della diplomazia: è stato dunque alunno della Pontificia Accademia Ecclesiastica di Roma, che forma il Corpo Diplomatico della Santa Sede. Ma nella diocesi di Aversa molti lo ricordano soprattutto come vice parroco della chiesa di S. Michele Arcangelo di Aversa: un impegno di apostolato tra la gente che ha svolto con umiltà e spirito di servizio.

da dx: Rosanna Martino, Presidente Serra Club Aversa, la prof. M.L.Coppola, S.Ecc. Mons. Russo e Mons. Rega

«Esprimo la gratitudine mia personale, dei confratelli sacerdoti e dell’intera comunità diocesana al Santo Padre Benedetto XVI – ha dichiarato S. E. Mons. Angelo Spinillo – per aver chiamato un altro figlio di questa Chiesa locale alla dignità episcopale e ad un servizio di grande importanza e di stretta collaborazione con la missione universale, propria della pastorale del Sommo Pontefice. Con Mons. Russo sale a sette il numero dei Vescovi che sono nati e si sono formati al ministero sacerdotale nella nostra Diocesi di Aversa; di essi quattro sono ora impegnati, in diverse parti del mondo, in collaborazione diretta con la Santa Sede con il titolo di Nunzi Apostolici. Con il ringraziamento anche al nostro carissimo Mons. Luciano Russo per il significativo impegno con cui ha svolto gli incarichi che gli sono stati affidati, e condividendo ora con lui la fiduciosa disponibilità alla chiamata a servire la Chiesa universale, portiamo con lui la speranza nella grazia che il Signore non fa mancare a chi con semplicità, seguendo il Maestro, si mette in cammino per l’annunzio del regno di Dio».

Il Serra club di Aversa non ha fatto mancare i suoi auguri al caro Mons. Russo, il quale ha presieduto una solenne celebrazione eucaristica nel Seminario Vescovile, di cui è stato allievo, rivolta all’intera equipe educativa ed agli amici laici .

Maria Luisa Coppola

Tags: , , , , , ,

Comments are closed.