Via Crucis fra i Santi “sfollati

mar 30th, 2012 | By | Category: Distretti e Club

Dare sostegno ai sacerdoti, significa anche essere loro vicini all’interno delle comunità, per supportarli, ma anche per conoscere meglio la loro vita e le loro necessità.

Ed ecco allora che il Serra Club di L’Aquila ha deciso di spostarsi nelle parrocchie periferiche, o meglio dei paesi del circondario, per il rito della Via Crucis. E purtroppo, per noi aquilani, questo è servito anche per renderci conto che le conseguenze del terremoto non si avvertono soltanto in città, ma soprattutto nelle frazioni, dove la gente vive ancora in uno stato di precarietà.

La prima tappa è stata a Forcelle di Tornimparte, dove Don Luciano Angelone ha accolto i Serrani nella chiesa di S. Sebastiano. La tappa successiva è stata a Goriano Valli, nel Comune di Tione degli Abruzzi, dove, dopo la Santa Messa celebrata da don Rinaldo De Santis, il rito della Via Crucis si è svolto nella chiesa di S. Gaetano, un piccolo edificio pieno di storia ed attualmente pieno di statue di Santi.

Ai Serrani increduli, che avevano pensato fossero lì pronte per una processione, don Rinaldo ha spiegato che si tratta di Santi “sfollati”, di statue portate via da altre chiese del territorio terremotate e quindi inagibili.

Questo ti riporta purtroppo a pensare alla difficile situazione in cui versano L’Aquila ed i centri del circondario. Ma il sisma forse è servito a rendere più forte la gente. Ti rendi conto che i parrocchiani sono ancora più legati alla loro Chiesa, ai loro parroci. La Via Crucis nelle due parrocchie è stata infatti seguita da molti fedeli, che si sono alternati con i Serrani nelle letture e nelle preghiere. La preparazione per la Pasqua si è conclusa con una conversazione tenuta il 28 marzo da P. Carmine Ranieri, Ministro Provinciale dei Frati Minori Cappuccini, e seguita da una Santa Messa concelebrata dall’Arcivescovo Mons. Giuseppe Molinari e dal vice cappellano del Serra Don Alessandro Benzi.

Ma la presenza del Serra aquilano nel territorio è al centro anche di una gita interclub organizzata con l’Inner Wheel, che raccoglie rotariane e mogli di rotariani, prevista per il 22 aprile. La volontà è di andare a rendersi conto, dopo il sisma, dello stato della ricostruzione di chiese monumenti. La zona prescelta è l’Alto Aterno, con visite alle chiese di S. Maria Assunta a Cabbia di Montereale, di S. Pietro Sivignano e S. Maria degli Angeli a Capitignano e, dopo la sosta per il pranzo nell’agriturismo Cardito, con una magnifica vista sul lago di Campotosto, visita a Palazzo Ricci a Montereale.

Demetrio Moretti

Tags: , , , , ,

Comments are closed.