Amici tra noi e con i nostri sacerdoti

set 28th, 2011 | By | Category: Apertura

La Cattedrale di Pienza

Il  programma dell’anno sociale del Serra Italia ha avuto inizio il 24 settembre a Pienza , con un incontro di cultura e di fede, da vivere uniti nella preghiera e nella fraternità, per lucrare l’indulgenza plenaria in occasione dell’anno giubilare indetto dal S. Padre.  Gli amici serrani, convenuti numerosi da ogni regione ed anche dal club di Lugano, hanno risposto con entusiasmo all’invito del Presidente Viti, confermando con la loro presenza quanto è importante il cammino personale nella fede: “ la preghiera è garanzia di apertura agli altri: chi si fa libero per Dio e le sue esigenze, si apre contemporaneamente all’altro, al fratello che bussa alla porta del suo cuore e chiede ascolto, attenzione, perdono, talvolta correzione ma sempre nella carità fraterna. ( Ratzinger)

Il luogo prescelto è Pienza, una città a misura d’uomo, che racconta la vita straordinaria del Papa Pio II, intellettuale ed umanista che affidò  la costruzione della Cattedrale, della quale si festeggiano i 550 anni di storia,  all’architetto Bernardo Rossellino, allievo di Leon battista Alberti.

Appare austera,  ma è luminosissima nel suo interno, a tre navate, secondo lo stile delle chiese austriache che il Pontefice aveva  visitato durante i suoi viaggi nel  nord Europa. Dinanzi allo splendore delle Pale di maestri senesi del ‘400,   gli amici del Serra Italia erano ammirati, ancor di più perché le commentava don Manlio Sodi, ordinario di Teologia Liturgica e Comunicazione, presidente della Pontificia Accademia di Teologia, invitato da Claudia e Luciano Neri del club di Montepulciano  ad illustrare  le opere  di questi artisti che certamente ne sapevano di teologia o erano consigliati da teologi se la simbologia dei particolari si attaglia perfettamente ai fondamenti  della nostra fede.

“Siamo persone fortunate,  da una settimana all’altra incontriamo il Signore, che entra nel nostro cuore e ci conduce per mano in un cammino sorretto dalla fede” – enuncia don Manlio nella sua omelia, ricordando che ascoltare la Parola del Signore è un dono immenso  per la Chiesa tutta, per noi battezzati  che siamo chiamati a testimoniare la nostra fedeltà ogni giorno, in ogni momento della nostra vita.

“I sacerdoti hanno bisogno dei Serrani,  della loro amicizia, della loro preghiera”- aggiunge- perché non manchino nuove e sante vocazioni  che diano visibilmente al mondo  il segno del rinnovamento della Chiesa: tutti noi riuniti in un assorto silenzio abbiamo interiorizzato l’invito di don Manlio ancor di più,  perché il nostro servizio laico non è semplice e ne conosciamo le difficoltà, ma è giusto impegnarsi con convinzione se ci stanno a cuore  i percorsi di vita dei nostri giovani seminaristi , che nella società attuale  appaiono rivoluzionari nel sentire e nell’agire perché chiamati ad un cammino di fervida fedeltà. Lo scoraggiamento talora ci prende, ci sentiamo quasi sognatori di un mondo di bontà e di candore che i fatti quotidiani non riportano,  il dilagante relativismo contagia, ma è proprio in questi difficili momenti che il Signore svela la sua presenza e la sua misericordia, dando un cuore nuovo a chi lo invoca con umiltà e la “sorpresa” di conoscere frati francescani che hanno rinunciato ad avviate professioni per Amor Suo. Sì, anche questo è successo a Pienza  e la Bellezza della vocazione si è aggiunta alla Bellezza dell’arte!!

Gli incontri  serrani sono ricchi di fede e di cultura e non poteva mancare nell’itinerario la visita guidata di Montepulciano  e della sua superba architettura,  grazie  al governatore Giuliano Faralli  , che si è speso con grande disponibilità perché noi tutti stessimo bene.    Prova ne è stato il clima di vera amicizia che si è subito creato tra tutti i partecipanti,   di cui ha fatto menzione il presidente Donato Viti che, nel ringraziare i  numerosi presenti, rammaricato per gli assenti, ha sottolineato  l’importanza dell’ evento mirato a rinnovare la nostra fede, a  rinsaldare la nostra amicizia che si moltiplica e si arricchisce con i talenti di ognuno, una ricchezza aggiunta che ci fa essere amici tra noi e con i nostri sacerdoti….  E se non fossimo così, che ci staremmo a fare nel  Serra?

Maria Luisa Coppola

Vice presidente ai programmi

Tags: , , , , , ,

Comments are closed.