Un serrano pellegrino in Terra Santa

set 7th, 2011 | By | Category: Il Serra nel Mondo

Storia di fede e di amicizia, di piedi e di chilometri, sulle orme di San Ranieri in Terra Santa. Protagonista è Mario Messerini di Calci che, insieme con l’amico volterrano Orlando Chiavacci, sta organizzando un viaggio di due mesi che li porterà nei luoghi di Gesù. A piedi e per nave, come gli antichi pellegrini.

Mario, 70 anni il prossimo 14 febbraio, già direttore del Consorzio Agrario di Pisa, laureato in Economia e Commercio, è sposato con Paola; hanno due figli, Giulio e Pietro. Orlando Chiavacci, classe ’44, una vita dedicata al lavoro come direttore commerciale in un’industria chimica. Sono entrambi pensionati, non certo del tipo “pantofolai” davanti alla tv, ma entrambi gran camminatori e viaggiatori, nonché amici di lunga data. Raccontano di essersi ritrovati qualche anno fa, grazie ai figli scouts, ed hanno preso ad allenarsi insieme, accomunati dalla passione per le scarpinate.

Un giorno si sono detti: sarebbe bello andare a piedi a Gerusalemme, percorrendo i luoghi attraversati dal santo patrono di Pisa, a conclusione dell’anno giubilare diocesano (giugno 2010-giugno 2011), indetto per l’850° anniversario della morte. Con l’idea di “intitolare” il viaggio: “Sulle orme di San Ranieri”. Detto, fatto. E Mario ne ha già informato l’Arcivescovo Giovanni Paolo Benotto, che ha gradito l’iniziativa.

Raccontano: “Il nostro progetto prevede di partire nella seconda metà di luglio, da Calci, zaino in spalla, lungo la via Francigena fino a Roma. Poi, sempre a piedi, verso Brindisi, via Benevento, costeggiando la via Appia. Quindi in nave traghetto fino al Pireo, poi Cipro, per sbarcare ad Acrì in Israele, vicino ad Haifa. Da qui percorreremo a piedi tutta la Galilea, Nazareth, monte Tabor, monte delle Beatitudini, lago di Tiberiade, scendendo lungo il Giordano, verso sud, fino a Gerico per arrivare poi a Gerusalemme, al Santo Sepolcro, con successiva e immancabile tappa a Betlemme, in Palestina. Il percorso previsto in Terra Santa è di almeno 270 km. Rientro in Italia, a metà settembre, da Tel Aviv”.

Che cosa metteranno nello zaino i novelli pellegrini? Rispondono: “Sicuramente la guida di padre Paolo Giulietti ‘A piedi a Gerusalemme. 350 chilometri di cammino in Terra Santa’ (edito da Terre di mezzo); poi cellulare, macchina fotografica digitale, tre cambi di biancheria, pantaloni e mantella antipioggia, cerottini antivesciche e crema per massaggiare i piedi, poche provviste: barrette energetiche e acqua”. E il diario dove appuntare fatti, luoghi, incontri, emozioni.

Parla per esperienza Mario, che ha percorso da solo il Cammino di Santiago di Compostela. Ho percorso 780 km, una media di 30 al giorno, per 27 giorni, attraverso 150 luoghi affascinanti, come Pamplona, Burgos, León, Astorga, Ponferrada e la meta, Santiago”. Tanti i ricordi: gli incontri e l’amicizia con altri pellegrini, le chiese lungo il percorso, tra le più belle d’Europa, le soste nei numerosi e ben organizzati ostelli e centri di accoglienza disseminati in tutta la Spagna, i “menu del dia”, ossia il pasto del pellegrino offerto a pochi euro. Spiega Mario: “Mi ero proposto di non spendere più di 25 euro al giorno, e mi sono bastati: si dorme per 5-10 euro, il resto va per il pranzo (magari con un bocadillo de jamón, il tipico panino spagnolo con prosciutto crudo) e la cena”. Le giornate si srotolavano così: sveglia all’alba, una frugale colazione poi in marcia dalle 7, viaggiando da Est a Ovest, con il sole alle spalle che rende più sopportabile il caldo, ma tre-quarti della tappa quotidiana va comunque compiuta entro le due del pomeriggio. Continua Mario: “Alle 9 di sera a letto, sperando che gli altri non russassero. Il momento più faticoso? La notte trascorsa in un ostello di montagna, a 1200 metri, senza luce, bagno, riscaldamento”. Il momento più emozionante? “Quando, a tre tappe dall’arrivo a Santiago, ho incontrato Orlando che giungeva da Oviedo sul “camino primitivo” del nord, dall’Atlantico. Ci siamo abbracciati, commossi fino alle lacrime”. Stretta in tasca la “compostela” (il documento che certifica il compimento del pellegrinaggio alla tomba dell’apostolo San Giacomo). Indimenticabile, poi, la messa del pellegrino, la mattina presto in Cattedrale, durante la quale si citano i pellegrini giunti quel giorno (numero, nazionalità, punto di partenza).

Orlando Chiavacci: “Ho fatto il camino per ringraziare il Signore per tutti i doni che mi dato nella vita: famiglia, lavoro, amicizie”. Sul suo zaino campeggiava la scritta “I tuoi passi camminano su una strada, ma il tuo cuore deve battere sul mondo intero”. Una frase trovata tra gli scritti di suo figlio Stefano, che non c’è più.

Graziella Teta di Toscana Oggi

******************************************************************

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Prima della partenza Mario Messerini ci ha inviato il percorso che si propone e con piacere lo pubblichiamo per potergli fare una spirituale compagnia nel pellegrinaggio:
Carissimi amici serrani,
si sta per avvicinare il momento della partenza e non vi nascondo che sento una forte emozione.
Il percorso è definito e le tappe sono state fissate per cui ritengo che, salvo problemi particolari, i giorni e le località saranno quelli indicati da Calci a Roma e quello da Roma fino a Bari.
Un caloroso saluto e un abbraccio a tutti i serrani.
Un abbraccio. Maria, Madre delle vocazioni, prega per noi.

Mario

TAPPE SULLA FRANCIGENA

1° tappa - 1 agosto (lunedì) CALCI – SAN MINIATO ALTO Km. 40 circa

2° tappa - 2 agosto (martedì) SAN MINIATO ALTO – GAMBASSI TERME Km. 21

3° tappa - 3 agosto (mercoledì) GAMBASSI TERME – MONTERIGGIONI Km. 36

4° tappa - 4 agosto (giovedì) MONTERIGGIONI – LECCETO Km. 15 circa

5° tappa - 5 agosto (venerdì) LECCETO – PONTE D’ARBIA Km. 35 circa

6° tappa - 6 agosto (sabato) PONTE D’ARBIA – S.QUIRICO D’ORCIA Km. 22

7° tappa - 7 agosto (domenica) S.QUIRICO D’ORCIA – RADICOFANI Km. 29

8° tappa - 8 agosto (lunedì) RADICOFANI – ACQUAPENDENTE Km. 24

9° tappa - 9 agosto (martedì) ACQUAPENDENTE – BOLSENA Km. 21

10° tappa - 10 agosto (mercoledì) BOLSENA – VITERBO Km. 33

11° tappa - 11 agosto (giovedì) VITERBO – SUTRI (variante Monti Cimini) Km. 28

12° tappa - 12 agosto (venerdì) SUTRI – CAMPAGNANO DI ROMA Km. 23

13° tappa – 13 agosto (sabato) CAMPAGNANO DI ROMA – ROMA S.PIETRO Km. 40

Visita alla Tomba di San Pietro

totale Km. 367

TAPPE DA ROMA A BARI

1° tappa - 14 agosto (domenica) ROMA – MARINO Km. 26

2° tappa - 15 agosto (lunedì) MARINO – ARTENA Km. 28

3° tappa - 16 agosto (martedì) ARTENA – ANAGNI Km. 26

4° tappa - 17 agosto (mercoledì) ANAGNI – VEROLI Km. 27

5° tappa - 18 agosto (giovedì) VEROLI – CEPRANO km.27

6° tappa - 19 agosto (venerdì) CEPRANO – CASSINO Km. 32

7° tappa - 20 agosto (sabato) CASSINO – MIGNANO MONTE LUNGO Km. 20

8° tappa - 21 agosto (domenica) MIGNANO MONTE LUNGO – ALIFE Km. 40

9° tappa - 22 agosto (lunedì) ALIFE – SOLOPACA Km. 32

10°tappa- 23 agosto (martedì) SOLOPACA – BENEVENTO Km. 28

11°tappa- 24 agosto (mercoledì) BENEVENTO – CASALBORE Km. 27

12°tappa- 25 agosto (giovedì) CASALBORE – CELLE SAN VITO Km. 23

13°tappa- 26 agosto (venerdì) CELLE SAN VITO – TROIA Km. 15

14°tappa- 27 agosto (sabato) TROIA – SANTUARIO INCORONATA Km. 32

15°tappa- 28 agosto (domenica) SANTUARIO INCORONATA – SIPONTO Km. 40

16°tappa- 29 agosto (lunedì) SIPONTO – MONTE SANT’ANGELO Km. 20

Ritorno in bus al ………. SANTUARIO DELL’INCORONATA

Da Monte Sant’Angelo bus alle ore 15,00 per Foggia con cambio a Manfredonia

17°tappa- 30 agosto (martedì) SANTUARIO INCORONATA – CERIGNOLAKm. 28

18°tappa- 31 agosto (mercoledì) CERIGNOLA – CANOSA Km. 19

19°tappa- 1 sett. (giovedì) CANOSA – CORATO Km. 33

20°tappa- 2 sett. (venerdì) CORATO – BITONTO Km. 26

21° tappa- 3 sett. (sabato) BITONTO – BARI Km. 21

Imbarco sul traghetto Super Fast delle ore 20,00 per Patrasso

con arrivo alle ore 12,30 del 4 settembre

totale Km. 570

Comments are closed.