Visita ad Acireale nel racconto del Vice Presidente ai programmi

mag 11th, 2011 | By | Category: Cultura

“Il progetto culturale del Serra Italia – scrive la Prof.ssa Maria Luisa Coppola Vice Presidente ai programmi di Serra International Italia – è stato il tema dell’incontro che ho tenuto ad Acireale, nel distretto 77, invitata dagli amici di quel club. Che vi sia un forte e sentito bisogno di risveglio culturale è un’esigenza contemporanea e, direi, soprattutto italiana per i tanti motivi di ordine sociale ed economico che tutti conosciamo. Mi preme altresì riportare in sintesi le proposte che ho suggerito agli amici serrani, in merito all’adesione alla categoria della Bellezza creatrice che è in toto grande dono del Signore. Acireale è una terra ridente, il cui nome della città deriva dalla mitologia greca, per una divinità chiamata Aci (la citano Ovidio nelle Metamorfosi e poi Teocrito, Virgilio, Posidippo, Filosseno, Callimaco). Questi era un pastore di cui si innamorò Galatea, di cui a sua volta era innamorato il ciclope Polifemo che schiacciò il rivale sotto un masso. Dal sangue del pastore nacque un fiume chiamato Akis dai greci, oggi “scomparso” sottoterra, ma che riaffiora come sorgente nei pressi di Santa Maria la Scala in una sorgente chiamata “u sangu di Jaci” (il sangue di Aci). E’ ricca di suggestivi scenari naturali incastonati tra terra e mare, conserva interamente il fascino delle città tardo-medievali della Sicilia, seconda per numero di abitanti dopo Catania. Ha dato i natali a molti artisti, tra cui Paolo Vasta autore di meravigliosi affreschi nella Cattedrale e nella piccola Chiesa di Santa Maria del Suffragio, quasi asimmetrica rispetto alla strada che ha la facciata rivolta al mare. Tradizionalmente la necessità della costruzione della chiesa è attribuita alle mogli dei pescatori, che poco abbienti si trovavano a disagio nelle ricche e sontuose chiese frequentate dalla nobiltà cittadina. La chiesa fu realizzata nel XVII secolo. L’interno è ricchissimo di affreschi, tra cui Il Mistero dell’Eucaristia di Pietro Paolo Vasta sulla volta.

L’amore per l’arte sacra è ampiamente documentato in questa deliziosa cittadina che conserva generosamente le tradizioni popolari delle processioni , come quella in onore di San Sebastiano e di Santa Venera, cui partecipano tutte le confraternite e le aggregazioni laicali.

Mi ha raccontato l’amico Cherubino Fiorini che in varie occasioni, come nel triduo pasquale, egli coordina le funzioni religiose essendo socio del Serra ed anche della confraternita, per rendere ancor più forte la presenza laicale in occasioni liturgiche cui partecipa l’intera comunità.

Un momento significativo dell’incontro è stato il riconoscimento che il presidente Rosario Leonardi ha consegnato al socio Paolo Nicolosi, che è stato il primo presidente del club, per aver aperto al pubblico “sua sponte” la cappella privata di famiglia.

E’stato molto gratificante aver conosciuto la vitalità del club di Acireale, l’impegno che ciascuno ha preso per diffondere il carisma del Serra nella società: prova ne è stata il folto pubblico presente nella sala del Seminario, con soci ed esponenti della società civile interessati ai programmi del nostro Movimento.

Pertanto, far conoscere la bellezza del fervore religioso di questa terra attraverso la sua pregevole arte è senza dubbio un aspetto davvero molto stimolante e proficuo per vivificare l’attenzione sul nostro Movimento, soprattutto tra i giovani che studiano facoltà universitarie di recupero dei Beni Culturali.

A parer mio, si rende un servizio di qualità al Serra ed all’intera comunità civile, che vedrà valorizzate le sue opere d’arte”.

Nelle foto il Vice Presidente di Serra International Italia Prof.ssa Maria Luisa Coppola ai Programmi, il Governatore del Distretto 77 Dott. Salvatore La Spina, il Rettore del Seminario Don Angelo Melone, il Presidente del Serra Club di Acireale Avv. Saro Leonardi, il Past Governatore del Distretto 77 e Vice Presidente Cnis Estensione prof.ssa Vera Pulvirenti.

Tags: , , , , ,

Comments are closed.